La levigatura è stata una delle prime lavorazioni manuali eseguite dall‟uomo …

In copertina: la lava del vulcano Kilauea

Siamo specializzati nel mondo degli abrasivi, in collaborazione con il marchio 3M, disponiamo di un team di tecnici in grado di effettuare prove e dimostrazioni gratuite dell’intera vasta gamma di prodotti.

La nostra esperienza ha origini lontane…

Tecnologia, competenza e conoscenza delle varie fasi delle lavorazioni.

Infinita conoscenza del mondo degli abrasivi, siamo in grado di confrontare i prodotti, testarli e proporre la soluzione migliore fra i tanti abrasivi che forniamo:

3M, MEGUIARS, PFERD, CONSIGLIO, IMA ABRASIVI, DEA, PACO, SAINT-GOBAIN, GRINDING ABRASIVI, PEGATEC, MOLE SU PERNO, LIME E PIETRE ABRASIVE, UTENSILI ROTATIVI IN FELTRO, PASTA DIAMANTATA, MOLE DIAMANTATE ED IN CBN BORAZON, SPAZZOLE INDUSTRIALI.

Scorrendo troverete tante tipologie di soluzioni nel mondo degli abrasivi, una vasta gamma di prodotti, novità, tutta la produzione di abrasivi flessibili quali nastri, anellini, manicotti, speciali e su misura, fibrodischi e velcrati e di tutti i rigidi nei diametri standard.

Mole su ceramica, utensili diamantati

La Chiales Tools è con te ogni giorno e può fare progredire la tua realtà.

Mettici alla prova, rimarrai soddisfatto!

Chialestools ti presenta:

Un pò di cultura

Gli abrasivi sono noti fin dall’antichità, infatti si producevano nei giacimenti di smeriglio dell’isola greca di Naxos e nei giacimenti di pomice delle isole Eolie.

Gli abrasivi sono sostanze cristalline inorganiche di grande durezza, a grani con spigoli taglienti, usate in forma di polveri per lavorare superfici ed eseguire tagli.

Le principali proprietà, oltre la durezza, sono la resistenza alla frattura, all’usura meccanica e chimica, la capacità di assorbire il calore attraverso la conduttività termica e la capacità termica

Ci sono abrasivi naturali, quali il diamante, il corindone (allumina), il quarzo, la sabbia, la pomice, la farina fossile, ed abrasivi sintetici, come alcuni dei precedenti (diamante e corindone) ed il carburo di silicio, il carburo di boro, il nitruro di boro cubico ed i metalli.

Gli abrasivi vengono utilizzati per operazioni di sabbiatura, rettifica, finitura, lappatura, pallinatura (trattamento di superfici metalliche con violenti getti di pallini sferici), lucidatura, taglio, foratura e levigatura di materiali.

I diversi tipi di abrasivi

Sono tre i tipi di abrasivi in commercio: flessibili, rigidi e superabrasivi

Gli abrasivi flessibili sono prodotti in una grande varietà di tipi, forme e dimensioni, tali da permettere l’esecuzione di operazioni estremamente eterogenee fra loro, come la levigatura, la sbavatura, la pulitura e la finitura di superfici.

Gli abrasivi rigidi sono dischi sui quali sono depositati grani abrasivi uniti con leganti a base di resine o di vetro su moli utilizzate per il taglio, la rettifica di sgrossatura e di finitura fino all’affilatura.

Le mole abrasive possono essere costruite con diversi tipi di grani in funzione degli impieghi a cui sono destinate. I più comuni materiali sono: l’ossido di alluminio, il carburo di silicio, il nitruro di boro cubico e il diamante.

I superabrasivi sono essenzialmente mole per taglio a base di diamante o CBN.

Gli abrasivi impiegati nella realizzazione di utensili possono essere divisi in sfusi, rivestiti e legati.

Gli abrasivi sfusi sono l’allumina, il SiC, il vetro, la sabbia silicea, la plastica granulare e alcune pietre dure. Il processo viene abitualmente condotto in umido, con acqua come fluido di trasporto, oppure a secco.

Gli abrasivi rivestiti comprendono un sottile strato di grani abrasivi aderenti ad un materiale di substrato come la carta, la stoffa, il feltro o la pellicola. Si tratta di prodotti ad elevate prestazioni, quali lamiere, nastri, dischi e mole. Gli abrasivi legati sono quelli in cui i grani abrasivi di natura ceramica sono legati insieme in una matrice per ottenere utensili come mole da rettifica, da taglio, da levigatura e da riaffilatura.

Ci possono essere leganti vetrificati, leganti di resina e leganti in gomma a legame metallico.

Corindone grigio normale, tenace e resistente; per uso generico su ferro ed acciai poco legati.

Corindone misto grigio + bianco, più tenero del 5A con maggiore capacità di raffreddamento; usato per rettifica in piano su acciai di media durezza o rettifica in tondo di acciai con durezza elevata e ghise meccaniche

Corindone pregiato al 99% di Al2 O3 , di colore bianco , azzurro , o rosso mattone ; per impieghi di rettifica di precisione in generale.

Corindone pregiato rosa; per rettifica di precisione in generale, più tenace del 10A, è indicato per lavorazioni di acciai legati.

Corindone rubino pregiato, ad alta taglienza; per impiego su acciai temperati con elevato grado di durezza

Corindone monocristallino con elevata resistenza alla rottura; ottimo per rettifica di precisione ed affilatura di acciai fortemente legati ad alta durezza e sensibilità al calore.

Carbosilicio grigio; per sbavatura di ghisa dura e rettifica di ghise sferoidali e materiali non ferrosi (ottone, gomma, pietra, plastica, ecc.).

Carbosilicio verde, molto duro, friabile e tagliente; per lavorazioni su metallo duro, ceramica, vetro, bronzo ed alluminio

Ossido di zirconio, disponibile solo su mole a legante resinoide; per sbavatura di ghise ed acciai.

Corindone Microcristallino SG. Questo super abrasivo viene impiegato in miscela con corindone pregiato o con Corindone monocristallino in diverse percentuali, per lavorazioni di rettifica dove sono richieste elevate prestazioni.